Moto ondoso? ONDARAIL! Ondarail, la barriera frangiflutti galleggiante di Venezia, lotta contro il moto ondoso


Vai ai contenuti

Tanti moti ondosi, un unico rimedio: ONDARAIL

Livello 1

Attenuatore d'onda per APPRODO D'IMBARCO

il presidio frangionde ONDARAIL elimina la rifrazione del moto ondoso sulla sponda

Il problema: l'accosto ai pontili da parte dei mezzi, comprime un'onda che si dirige verso la sponda, la quale la riflette verso il mezzo stesso. La sincronia dell'onda d'accosto e del suo stesso ritorno, comporta l'instabilità dei passeggeri sul pontile e sull'imbarcazione.

Obiettivo: introdurre un efficace "tempo di ritardo", al fine di evitare il sincronismo tra i due effetti.

Il rimedio: tra la barriera Ondarail e la sponda si forma un condotto che trattiene l'onda, la quale, anziché rimbalzare sulla sponda lo percorre e si consuma sulle ali d'estremità; la riduzione di energia e il "tempo di ritardo" indotto evitano il sincronismo tra l'onda sopraggiungente e l'onda respinta (sovrapposizione degli effetti) acquetando l'area d'approdo.

Il colore a scelta (verde "bottiglia", in questo caso) è tipico della tinta lagunare e delle alghe autoctone le quali colonizzano tutto ciò
che viene immerso.

Nelle foto sotto: ormeggio a pali con anello di scorrimento per ovviare il livello delle maree.


Torna ai contenuti | Torna al menu